Sullaluna
 
AMARO HERBAE, un ritorno all’origine della nostra essenza-Prima Parte - Sullaluna
1280
post-template-default,single,single-post,postid-1280,single-format-standard,qode-social-login-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.1,menu-animation-underline,side_area_over_content,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

AMARO HERBAE, un ritorno all’origine della nostra essenza-Prima Parte

Dalla Valle dell’Alcantara nasce Amaro Herbae, il nuovo amaro dell’azienda agricola TerrAlcantara dei Fratelli Vaccaro e noi di Sullaluna ci siamo occupati della realizzazione di uno spot pubblicitario. Ma, dietro la realizzazione di questo spot, nel dietro le quinte e nel backstage, nella sua progettazione e concezione si è rivelato essere una vera esperienza di crescita professionale e di vita, quindi riteniamo opportuno raccontarla sin dall’inizio.

Cominciare dall’inizio equivale a parlare di un luogo, una nuova scoperta: le Gole dell’Alcantara, il cui nome è comunemente legato a storie e leggende della Sicilia, meta per turisti ed attrazione per il body rafting e per le rapide; ma non solo questo, un luogo tutto da conoscere e scoprire, la cui vera essenza doveva ancora esserci rivelata.

Il nostro viaggio alla scoperta della Valle dell’Alcantara comincia a Settembre, quando abbiamo ricevuto la chiamata della World Mc, nella persona di Amanda Catania, anello di congiunzione tra noi e le gole. Amanda ha rivestito un ruolo cruciale nel nostro percorso di avvicinamento al Parco Alcantara: ha creduto in noi, nelle nostre potenzialità ed idee, nella nostra creatività, ci ha assecondato nelle richieste più folli, ci ha fatto da guida, da Caronte nelle acque delle Gole dell’Alcantara, aiuto prezioso ed imprescindibile, compagna durante il nostro cammino. È stata proprio lei ad incoraggiarci e a credere in noi nel commissionarci un video aziendale/documentario delle Gole. L’obiettivo era mostrare il parco e tutte le sue attività.

Già nel primo giorno di riprese, si avvertiva un’aria diversa. Il nostro lavoro ci porta ogni giorno a conoscere nuove realtà, paesaggi e posti magnifici; ma, al primo incontro con le Gole, abbiamo subito sentito qualcosa di diverso, qualcosa di misterioso, il segreto ed il fascino di questi luoghi impenetrabili. Un segreto che si è svelato progressivamente, risalendo tra le rapide e percorrendole, riprendendo muniti di telecamera e drone, addentrandoci tra i sentieri, sovrastati dalla maestosità e dall’imponenza dei basalti colonnari delle Gole.

Guardare il mondo dietro un obiettivo ti incoraggia a cercare un punto di vista sempre differente, una nuova prospettiva mai banale e che comunichi qualcosa, che esprima un nuovo significato, una nuova visione, uno scenario non ipotizzabile a partire da un punto di vista convenzionale.

Le Gole sono diventate una musa ispiratrice, fonte di nuove idee e creatività, che ci spingeva a fare sempre di più. Al contempo, siamo entrati in contatto ed abbiamo appreso la loro storia. Il loro percorso si è intrecciato a doppia maglia con quello della famiglia Vaccaro, di 3 fratelli che hanno ereditato un sogno dai loro genitori, dei terreni apparentemente impervi ed inaccessibili che oggi sono delle gemme, fiore all’occhiello di un “Parco delle Meraviglie”. Un sogno trasformato in realtà, un parco da visitare e scoprire, delle attrazioni da vivere sulla propria pelle. La vita è spesso imprevedibile e da questo momento di condivisione, è nato un nuovo ed affascinante progetto in cui lanciarci.

Antonino, il secondo dei fratelli Vaccaro, agronomo per professione e per passione, dopo aver classificato le differenti piante presenti nel patrimonio floristico e vegetale della Valle, ha condensato il suo lavoro nella creazione di un amaro, un amaro ottenuto dall’infusione delle erbe presenti nel Parco.

Amaro Herbae, il risultato di un lavoro appassionato e meticoloso, della scelta, della selezione e combinazione perfetta delle erbe del patrimonio botanico dell’Alcantara. Una ricetta segreta che Antonino non ha voluto svelare a nessuno, che custodisce gelosamente e, soltanto alla serata di presentazione dell’Amaro, si è lasciato sfuggire come il suo amaro derivi dalla combinazione di 13 erbe, un indizio da nulla se si considera che ne ha classificate più di mille.

Un nuovo compito per noi di Sullaluna: realizzare uno spot di presentazione dell’amaro. Domanda fondamentale: come svelarne la vera ed autentica essenza? (TO BE CONTINUED!)

No Comments

Post a Comment